Categoria: Travel

Viaggi Green: 5 destinazioni di viaggio

Viaggi Green: le 5 destinazioni più belle e verdi                                           …

Viaggi Green: le 5 destinazioni più belle e verdi

                                    

                                     ” Almeno una volta l’anno, vai in un posto dove non sei mai stato prima ” 

Viaggi green. In questo 2017 ho sicuramente voglia di vedere tantissimi posti nuovi. Posti che riescano a farmi battere il cuore. Posti che abbiano qualcosa da raccontare e che mi facciano raccontare qualcosa alle persone che decidono di leggermi. Io adoro seguire un filo conduttore nei miei viaggi e soprattutto nelle ricerche di viaggio. Per questo motivo ho pensato di cercare delle destinazioni in linea con le parole chiave di quest’anno per me: EQUILIBRIO, POSITIVITA’ e INCONTRO. Dove andare?

Grazie al progetto Pensa Pulito ho deciso di raccogliere una mia personale TOP 5 di destinazioni Green: dove incontrare se stessi quando si è alla ricerca di risposte positive.

2 commenti su Viaggi Green: 5 destinazioni di viaggio

LA LA LAND viaggio in un mondo fantastico

LA LA LAND recensione/ visione di un film che mette positività e riesce a farti staccare la spina per un po’.   La La Land è poesia. La La Land…

LA LA LAND recensione/ visione di un film che mette positività e riesce a farti staccare la spina per un po’.

 

La La Land è poesia. La La Land è magia. La La Land è il film dell’anno. Sono tanti i motivi che mi spingono a definirlo così ma basta citarne 3 per essere subito d’accordo: la regia, la musica ed il messaggio.

 

[ Piccolo Spoiler ALERT]

 

 

 

 

 

REGIA LA LA LAND 

Avevamo lasciato Damien Chazelle due anni fa con Whiplash, altra opera magistrale da vedere assolutamente se non avete ancora avuto modo (3 oscar vinti tra cui miglior attore non protagonista per J.K. Simmons); ma questa volta il regista americano punta davvero in alto dimostrando come l’età a volte non conti nulla e che con i suoi 32 anni può  davvero competere con i grandi del cinema. Lo dimostra da subito con un piano sequenza interminabile che si destreggia tra macchine ferme nel traffico e ballerini che volteggiano senza sosta (ndr la macchina da presa non stacca fino al termine della canzone). Il messaggio è chiaro: Damien Chazelle la vuole fare grossa, e da subito. La scenografia è curata nei minimi dettagli, dalla decorazione della stanza di Mia che rispecchia meticolosamente la personalità e le aspirazioni della ragazza, ai colori dei vestiti sempre di lei che cambiano nel corso del film rappresentando la crescita interiore del personaggio e la sua maturità che evolve nel corso del film. Ryan Gosling ed Emma Stone si superano cimentandosi in una prova che non rientra proprio nelle loro corde: un musical. Ne escono vincitori e a testa alta dimostrando come la dedizione e la passione per il proprio lavoro può superare gli ostacoli derivanti da limiti personali (piccola curiosità: Ryan Gosling ha trascorso per diverso tempo esercitandosi 2 ore al giorno, 6 giorni alla settimana al pianoforte, riuscendo in fase di riprese a girare in autonomia le sequenze al pianoforte senza aver bisogno di controfigure o l’uso della CGI).

Colonna Sonora LA LA LAND 

Le canzoni che compongono il musical sono tutte impeccabili, orecchiabili, trasmettono gioia e angoscia nel giusto modo e in momenti precisi, rendendo la visione del film piacevole (sono 2 le nomination agli Oscar per Miglior colonna sonora e miglior canzone originale). Pur essendo un musical, i dialoghi sono molti, creando un perfetto connubio tra musicalità e recitazione rendendo piacevole la visione anche a chi non si trova a proprio agio con i musical. Come in Whiplash, Chazelle rende il jazz, genere musicale che il regista apprezza in modo particolare, uno dei protagonisti del film. Ed è proprio il jazz, secondo chi scrive, la chiave di lettura del finale di questo gran film. In un profondo discorso che Seb tiene con Mia, il musicista le spiega come il Jazz sia nato principalmente come mezzo di comunicazione, in un contesto in cui era impossibile comunicare appunto; nel finale, dove troviamo un Seb distrutto nel rivedere la ragazza per cui ha provato sentimenti mai vissuti e che “avrebbe amato per tutta la vita”, il pianista suona e tramite le note del pianoforte comunica con Mia, non potendo farlo con la voce. Le racconta come sarebbe potuta essere la loro storia d’amore, diversa nel modo in cui lui l’avrebbe affrontata. Non sarebbe stato ostile (a partire da un bacio improvviso anziché una spallata al primo incontro), ma l’avrebbe accompagnata e supportata nel suo sogno di diventare un’attrice di fama internazionale. Sono tante le interpretazioni che possono essere date a questo film; quella più banale, che personalmente non condivido, è che bisogna sempre inseguire i propri sogni e avere il coraggio di lanciarsi Il messaggio che è arrivato a me è invece: tutti abbiamo bisogno di una spinta e di qualcuno che ci dia il coraggio per inseguire i nostri sogni, ma nel perseguirli siamo inevitabilmente da soli.

 

LA LA LAND perchè?

La La Land è un film che racconta la vita reale. Come possono due persone che hanno ambizioni così grandi, che prevedono necessariamente sforzi, sacrifici e compromessi, riuscire a rimanere uniti? Non è possibile. Uno dei due deve rinunciare al proprio sogno ed impiegare il proprio tempo nel dedicarsi completamente all’altro (non è questo quello che appare nel racconto di Seb a Mia nel finale strappalacrime?). Quando in un rapporto d’amore, anche così profondo come quello dei due protagonisti, le ambizioni sono così alte per entrambi, si arriva a diventare inevitabilmente l’uno l’ostacolo per l’altra nel raggiungere i propri sogni, se come detto, uno dei due non decide di dedicare la propria vita completamente all’altro.

 

La La Land è un film che comunica tanto con una forza travolgente che nasce dalla sua musica e dai suoi colori. Le nomination agli oscar per questo gioiellino sono ben 14. Le aspettative sono molto alte, considerati anche i 7 premi Golden Globe vinti (nuovo record stabilito, avendo superato i 5 premi vinti da “Qualcuno volò sul nido del cuculo”). Aldilà delle statuette che verranno attribuite a questa pellicola, una cosa è certa, La La Land ha saputo stupire.

 

                                           Damiano Nargi. 

 

A me piace racchiudere invece il film in un momento, un racconto, una canzone e quello che posso dire è che questa Canzone riassume il perché bisogna vedere LA LA LAND in un momento in cui non abbiamo il tempo di pensare a niente se non alla nostra vita quotidiana e a dei ritmi che ci uccidono. Ecco pensare ad un mondo in chiave musical con la ricerca dei propri sogni ad ogni costo è davvero un bel messaggio per tutti. 

Ezio 

TESTO Audition (The Fools Who Dream) LA LA LAND 

 

My aunt used to live in Paris
I remember, she used to come home and tell us these stories about being abroad
And I remember she told us that she jumped into the river once, barefoot

She smiled

Leapt, without looking
And tumbled into the Seine
The water was freezing
She spent a month sneezing
But said she would do it again

Here’s to the ones who dream
Foolish as they may seem
Here’s to the hearts that ache
Here’s to the mess we make

She captured a feeling
Sky with no ceiling
The sunset inside a frame

She lived in her liquor
And died with a flicker
I’ll always remember the flame

Here’s to the ones who dream
Foolish as they may seem
Here’s to the hearts that ache
Here’s to the mess we make

She told me
“A bit of madness is key
To give us new colors to see
Who knows where it will lead us?
And that’s why they need us”

So bring on the rebels
The ripples from pebbles
The painters, and poets, and plays

And here’s to the fools who dream
Crazy as they may seem
Here’s to the hearts that break
Here’s to the mess we make

I trace it all back to then
Her, and the snow, and the Seine
Smiling through it
She said she’d do it again

 

Nessun commento su LA LA LAND viaggio in un mondo fantastico

THE OSCARS: i migliori film commentati insieme a voi

Ma a voi le novità in arrivo piacciono? The Oscars   “Non diamo per scontato questo pianeta. Io non ho dato per scontata questa serata“. L. DiCaprio.   “A chiunque…

Ma a voi le novità in arrivo piacciono? The Oscars

 

Non diamo per scontato questo pianeta. Io non ho dato per scontata questa serata“. L. DiCaprio.

 

“A chiunque è là fuori, alle medie o al liceo, che sta soffrendo. Ci sono giorni in cui ti sentirai triste, ti sentirai arrabbiato, avrai paura. Non è niente che si può scegliere, ma puoi trarne qualcosa. Fai film. Disegna. Scrivi“. Inside Out Pete Docter

 

” Dedico il premio ai 36 milioni di persone che hanno perso la battaglia per l’AIDS e per quelli di voi là fuori che hanno mai subito ingiustizie a causa di chi sono o di chi amano. Stasera sono qui in piedi di fronte al mondo per voi, e con voi. Grazie mille e buonanotte” J. Leto per Dallas Buyers Club.

 

A breve su Spezio.it una breve rubrica dedicata a questa notte magica che ogni anno ci fa sognare e ci fa credere di fare un po’ parte di quel mondo fantastico che è Hollywood. Se avete intenzione di rimanere svegli la notte del 26, o se semplicemente amate il cinema e desiderate condividere il vostro pensiero sulle pellicole candidate a miglior film, allora non potete perdervi questo nuovo appuntamento settimanale  in cui proveremo a capire insieme il significato che si nasconde dietro ogni opera e perché no, scoprire anche qualche piccola curiosità! Non perdetevi il primo “capitolo”  perché si inizia con il botto! A voi piace la musica Jazz? A noi tanto!! Shhhh It’s a secret.

 

 

Nessun commento su THE OSCARS: i migliori film commentati insieme a voi

Islanda: consigli di viaggio

Tutti i consigli di viaggio per visitare l’Islanda: la terra del ghiaccio e del fuoco L’Islanda richiama sempre più viaggiatori curiosi in cerca di scenari mozzafiato, paesaggi incontaminati e spettacoli…

Tutti i consigli di viaggio per visitare l’Islanda: la terra del ghiaccio e del fuoco

L’Islanda richiama sempre più viaggiatori curiosi in cerca di scenari mozzafiato, paesaggi incontaminati e spettacoli naturali eccezionali. Organizzare una vacanza nell’isola, la 18esima in ordine di grandezza nel Mondo, con un numero di abitanti complessivo pari a quello della sola città di Bari, è semplice soprattutto per chi parte con zaino in spalla e una tenda per campeggiare, molte infatti sono le aree di campeggio attrezzate situate proprio a due passi dalle meraviglie naturali dell’isola. Tuttavia anche per chi vuole programmare tutto nel minimo dettaglio da molto tempo prima con qualche piccolo consiglio di viaggio tutto può diventare molto molto semplice. Eccovi quindi una guida dell’Islanda per organizzare le vostre vacanze.

Dopo il post ITINERARIO DI VIAGGIO IN ISLANDA ecco a voi una guida su cosa sapere prima di prenotare una vacanza in ISLANDA.

Islanda consigli di viaggio

3 commenti su Islanda: consigli di viaggio

Elbphilarmonie: la nuova sala dei concerti di Amburgo

Elbphilarmonie: l’edificio imponente ed ecologico che ospiterà le Sale dei Concerti di Amburgo Tra i protagonisti dell’anno passato, in fatto di architettura, ci sono sicuramente il duo svizzero Herzog &…

Elbphilarmonie: l’edificio imponente ed ecologico che ospiterà le Sale dei Concerti di Amburgo

Tra i protagonisti dell’anno passato, in fatto di architettura, ci sono sicuramente il duo svizzero Herzog & De Meuron che, nel 2016, hanno firmato una serie di progetti di notevole importanza, come l’ampliamento della Tate Modern a Londra o Feltinelli Porta Volta a Milano. Uno dei progetti più interessanti, che ha fatto molto parlare e che ha avuto un notevole eco è certamente Elbphilarmonie di Amburgo. Si tratta di uno degli edifici più costosi della storia tedesca che nasce in un contesto di rigenerazione urbana molto dinamico, come quello dell’HafenCity, in pieno centro della città, dove si sta recuperando un’area dismessa di magazzini del vecchio porto fluviale sostituendola con edifici residenziali, uffici, alberghi e aree commerciali e la Elbphilarmonie è il fiore all’occhiello di questo ambizioso progetto.

1 commento su Elbphilarmonie: la nuova sala dei concerti di Amburgo

IL NATALE DELLA SIGNORA PINNET

La casa della signora Pinnet era da sempre il punto d’attrazione di tutto il paese. Arrivati gli ultimi giorni di novembre, tutti i curiosi fingevano lunghe passeggiate fuori città per…

La casa della signora Pinnet era da sempre il punto d’attrazione di tutto il paese.

Arrivati gli ultimi giorni di novembre, tutti i curiosi fingevano lunghe passeggiate fuori città per arrivare a quel punto sperduto tra le colline che riusciva a far sognare e rallegrare un po’ le giornate miste di nebbia e malinconia.

Era diventata una necessità: ultimi dell’anno tutti dalla Pinnet per prendere quella carica necessaria per vivere le feste nel migliore dei modi e con lo spirito giusto.

la signora

1 commento su IL NATALE DELLA SIGNORA PINNET

Viaggio in Islanda: un itinerario tra fuoco e ghiaccio

Un viaggio in Islanda alla scoperta dei suoi colori L’Islanda, il paese del ghiaccio e del fuoco, una meta naturalistica fantastica, il viaggio dei sogni di molti, una terra che…

Un viaggio in Islanda alla scoperta dei suoi colori

L’Islanda, il paese del ghiaccio e del fuoco, una meta naturalistica fantastica, il viaggio dei sogni di molti, una terra che incanta, che sconvolge per la presenza di una natura incontaminata che è teatro di spettacoli che si possono vedere solo nei film. Vi presento ora un possibile itinerario per visitare le principali meraviglie di questo paese in una settimana. Ecco il mio viaggio in Islanda.

1 commento su Viaggio in Islanda: un itinerario tra fuoco e ghiaccio

Benidorm, tra benessere, sport e mare in Spagna

Ma voi cosa fate in quelle domeniche pomeriggio autunnali in cui non avete voglia di far niente se non ascoltare della buona musica, guardare un telefilm e bere tè caldo?…

Ma voi cosa fate in quelle domeniche pomeriggio autunnali in cui non avete voglia di far niente se non ascoltare della buona musica, guardare un telefilm e bere tè caldo?

Sapete io cosa faccio solitamente? Accendo skype e faccio qualche video chiamata con amici che vivono in giro per l’Italia e per l’Europa e decidiamo la prossima mete di viaggio da fare tutti insieme quando abbiamo voglia di staccare un attimo la spina dallo stress delle nostre vite. Scegliere non è mai semplice: diciamolo pure che mettere insieme tante idee rende quasi impossibile trovare una meta che possa andare bene per tutti. C’è però sempre un paese che riesce ad unirci e al quale non potremmo mai dire di no: la Spagna.

Questa volta la proposta è arrivata da me. Volevo qualcosa che potesse unire MARE e CALDO, SPORT, RELAX e BENESSERE e buon CIBO. E allora quale destinazione migliore se non BENIDORM?

unspecified-2

Tutti avrete sentito parlare di questa famosissima cittadina spagnola nella comunità valenciana che ricorda un po’ le città d’oltreoceano per lo skyline, la vita festosa  e le tantissime attività che si possono fare. Per questo motivo devo dire che i miei amici hanno accolto questa proposta con grandissimo entusiasmo. Ecco una top 5 delle motivazioni che mi hanno spinto ad inserire Benidorm nelle mie prossime mete di viaggio 2017.

Relax e Benessere: conosciuta sin dall’antichità come località termale a Benidorm si ricorda il famoso ‘Centro Benessere Virgen del Sufragio che ha anticipato il turismo della Salute che risulta essere tra le più redditizie per questa località. Tantissimi i centri benessere e le Spa a Benidorm dislocati tra i numerosissimi hotel di lusso che popolano la costa e che riescono a coccolare i turisti grazie al clima mite e alle temperature piacevoli quasi tutto l’anno.

unspecified

PLAYAS – Mare e Caldo : Chi mi conosce e mi segue su Instagram (@EzioMrLifestyle) sa che io ho una grandissima passione per il blu e per i paesaggi marini. Ecco perché il mare rende Benidorm il posto ideale per uno stop over al caldo a godere dell’atmosfera frizzante che la Spagna riesce a regalare. Famosa per le spiagge di sabbia dorate e acque cristalline tutto l’anno non potete che adorare la zona nord se siete alla ricerca di tranquillità e voglia di godervi il mare in serenità. Per chi ama fare attività d’immersione, da non perdere la piccola Cala de Mal Pas come anche le due estremità settentrionali dove è possibile godere di insenature sia sabbiose che rocciose. Molto conosciuto  il lungomare di Levante  è animato tutto l’anno da locali, ristoranti e zone dove dedicarsi allo shopping.

unspecified-4

unspecified-3

SPORT

Dopo il benessere ed il relax in spiaggia ecco uno dei motivi principali per scegliere Benidorm come prossima destinazione di viaggio: la possibilità di praticare tantissimi sport all’aperto che vi faranno appassionare a questo clima di festa e di gioia che la cittadina riesce a ricreare. Qui avrete la possibilità di fare passeggiate a cavallo o in mountain bike, fare arrampicata scalando montagne e scoprendo grotte interne. Quello che però io vorrei assolutamente fare è kayak avventurandomi in autonomia e alla scoperta di calette isolate  da fotografare. Queste sono solo alcune delle attività da far soli o con i tantissimi tour organizzati presenti in città, ma la presenza del mare e la vista magnifica rende Benidorm il posto perfetto per un giro in Segway per poter vivere l’emozione di un tramonto che solo la costa spagnola riesce a regalare.

Se siete tipi dinamici e festaioli e avete voglia di vivere a pieni polmoni l’enfasi spagnola non potete perdere i tantissimi festival e celebrazioni che di weekend in weekend si susseguono a Benidorm. Tra i più popolari che richiamano migliaia di turisti da tutta la Spagna e l’Europa ci sono sicuramente il Dai Fancy Dress Party ed il Flower Party passando anche per la festa della Vergine del Suffragio patrona di Benidorm.

La chiamata su Skype con i miei amici si è conclusa con un’immagine: noi seduti ad un bar sulla spiaggia mentre facciamo aperitivo. Siamo stati una giornata a mare in totale relax ed io mi sono regalato un massaggio in un bellissimo hotel di Benidorm prima di prepararmi a perdermi nella folla per vivere la movida notturna. Ecco questa è l’immagine che spero possa rendere questo sogno realtà nel 2017.

1 commento su Benidorm, tra benessere, sport e mare in Spagna

5 minuti e la ciambella alle carote

  Come ogni mattina la piccola Sofia non aveva nessuna voglia di svegliarsi.  Aveva imparato a riconoscere i passi della mamma e quando sentiva il suono delle pantofole che in…

 

Come ogni mattina la piccola Sofia non aveva nessuna voglia di svegliarsi.  Aveva imparato a riconoscere i passi della mamma e quando sentiva il suono delle pantofole che in punta di piedi si avvicinavano al suo letto preparava il volto più angelico e sperava in soli 5 minuti in più di sogni.

Anna conosceva benissimo la sua piccola e per questo motivo si accovacciava sul suo letto ed iniziava lentamente ad abbracciarla e a chiederle di farle posto sotto le coperte. 

– Hai i piedi freddi- diceva Sofia ogni volta che si sfioravano

– Dai riscaldami tu allora- ripeteva divertita Anna che cercava di farsi spazio tra le braccia della sua piccola.

-Faremo tardi a scuola e tu a lavoro, dai mamma solo 5 minuti.

Dobbiamo andare per forza? Io vorrei tanto rimanere qui. Dai facciamo festa così non vediamo nessuno e siamo solo noi.  

Ripeti ogni giorno la stessa frase. Sai che non possiamo farci niente.  Ci tocca svegliarci 

-Ma io voglio stare abbracciata a te. Non ho voglia di vedere nessuno. Solo per oggi.

Sofia sapeva benissimo che quell’oggi era ormai una cantilena frequente che la mamma ripeteva da ormai un anno. Anzi per la precisione da 345 giorni. Dal momento esatto in cui la macchina del papà era uscita di strada e aveva deciso di far cambiare le loro vite per sempre.

Aveva solamente 13 anni, ma le era ben chiaro che in quel momento lei era l’unico faro nella vita della mamma. Tutto le mattine lei fingeva di voler ancora 5 minuti in più di sonno, solo per dare alla mamma la possibilità di caricarsi e prendere tutte le energie necessarie per affrontare la giornata. Aveva smesso di dormire nella sua stanza da letto perché si era accorta che per la sua presenza tratteneva le lacrime che puntualmente, ogni notte, rigavano il suo volto e velavano la sua calda voce.

Ti preparo quella buonissima ricetta che ho visto in TV, che dici? Così facciamo una colazione diversa oggi?

-Ma no tranquilla ho la merendina che ho comprato dal distributore ieri in ufficio. Mangerò quella in macchina.  

Dai abbiamo ancora un’ora e posso fare la ciambella. Sai che la ciambella alle carote è la mia preferita. Mi aiuti?  

– Si inizia tu. 5 minuti e arrivo.

 

 

Ciambella alle carote

I minuti passavano e puntualmente Sofia sentiva il telefono squillare e la voce della mamma che parlava con la segreteria per dire – Giovanna oggi mi sento poco bene, ti prego sposta tutti i miei appuntamenti, non riesco proprio a passare dall’ ufficio.

-Anche oggi mamma? Dai per favore alzati.

– No Sofia ho un grandissimo mal di testa. Giovanna sbrigherà tutto per me. Ormai è diventata brava sai?

– Ma devi accompagnarmi a scuola? L’avevi promesso.

-Dai che ormai sei grande e puoi andarci sola.

-Va bene. Comunque ricorda di spegnere il forno perché la ciambella  alle carote è pronta.

-Si 5 minuti e mi alzo.

I giorni passavano ed Anna era sempre più isolata dal mondo. Sofia aveva imparato ad adattarsi a quella nuova realtà e passava le giornate a trovare il modo giusto per dare la carica alla propria mamma che ormai era spenta. Vuota. Sola. La ciambella alla carota era diventata sicuramente un ottimo modo per aiutarla a pensare positivo e per alzarle il morale.  Ricordava ancora le prime risate della mamma quando fu costretta a mangiare una torta non commestibile per cui aveva lavorato tutta la notte. Ci vollero tanti bicchieri d’acqua per poter tornare a respirare normalmente, ma dopo soli 5 minuti mamma e figlia scoppiarono in una grandissima risata.

Aveva capito che doveva essere forte e ottimista e con costanza, pazienza e amore doveva lavorare nei momenti d’affetto che Anna riusciva a darle ogni mattina quando si metteva nel suo letto in cerca di abbracci e coccole. La sua era una missione. Aveva imparato a prendersi cura della casa: cucinava, riordinava e passava il Folletto, era il suo modo per prendersi cura della mamma. Sapeva che un sorriso ed una carezza avevano moltissimo valore nel vuoto che si era venuto a creare. Una piccola (ormai grande) operatrice di positività e risate.

Passo dopo passo, coccola dopo coccola, i giorni sono diventati mesi ed i mesi sono diventati anni.

 

Ciambella alle carote

Sofia ora ha 30 anni e vive sola in una mansarda londinese fatta di legno e tappezzata di fotografie di nuvole.  Ha lasciato l’Italia da diversi anni per seguire i suoi sogni. Gli stessi sogni che da bambina l’hanno portata ad essere sempre una piccola ribelle fuori dagli schemi con una grande attenzione per chi le era accanto.

Sono le 7:50 e l’orologio biologico di Sofia ha già suonato i primi rintocchi. A lei è rimasta l’abitudine di concedersi quei 5 minuti d’attesa fra le coperte ricordando le carezze ed i baci della mamma che è a tantissimi chilometri di distanza nella cucina della sua villa in toscana. Anna sorseggia caffè e guarda l’avanzare dell’autunno in giardino e pensa – Chissà cosa starà facendo Sofia. Chissà se è sveglia. Allora decide di chiamarla su FaceTime.

Sofia, con un gesto automatico, prende il telefono dal comodino scansando il libro di poesie di Keats che sta rileggendo, apre la chiamata e appoggia il suo smartphone tra le coperte.

-Mamma già sveglia?

-Si tesoro. Sono in cucina che sorseggio un caffè mentre aspetto che la ciambella alle carote sia pronta. Mancano solo 5 minuti. Credo, anche se sicuro sarà un po’ cruda. Sei tu l’esperta.

-Che buona mamma. Io sono ancora sotto le coperte. Comunque ricordati del segreto che ti avevo detto ieri mattina: basta che apri il forno e senti l’odore della ciambella. Capisci subito se deve restare ancora qualche altro minuto.  Mi mandi un pezzo?

-Amore certo, virtualmente ti mando una pasticceria piena di dolci con consegna a domicilio. Ma tu oggi non avevi quella riunione importantissima? Dai svegliati che facciamo tardi tutte e due. Dai che abbiamo una vita da vivere.

-Solo 5 minuti mamma. Ora mi alzo.

Ecco il secondo racconto per la raccolta del progetto #PensaPulito.

Nessun commento su 5 minuti e la ciambella alle carote

ERASMUS A GRANADA la mia esperienza in Spagna.

La mia esperienza Erasmus a Granada è iniziata un po’ per caso: quasi a fine del mio percorso universitario, da persona piuttosto abitudinaria e ben inserita nei suoi schemi, non…

La mia esperienza Erasmus a Granada è iniziata un po’ per caso: quasi a fine del mio percorso universitario, da persona piuttosto abitudinaria e ben inserita nei suoi schemi, non avevo all’inizio alcuna reale spinta a partire ed immettermi in qualcosa di così sconvolgente.

Per mia fortuna però, una persona a me molto vicina ha accelerato i tempi, e convincendomi a partecipare, quasi fosse un gioco, mi ha permesso di essere pronta per il mio Erasmus a Granada.

img_8387Granada

Nessun commento su ERASMUS A GRANADA la mia esperienza in Spagna.

Elezioni USA 2016 Snapchat. Ecco i momenti più importanti

Elezioni 2016 USA- Snapchat : moda o necessita?   Solamente qualche anno fa nessuno avrebbe scommesso su Snapchat come nuovo social da integrare nella strategia di comunicazione politica per la…

Elezioni 2016 USA- Snapchat : moda o necessita?

 

Solamente qualche anno fa nessuno avrebbe scommesso su Snapchat come nuovo social da integrare nella strategia di comunicazione politica per la campagna presidenziale americana 2016. Oggi però l’app del fantasmino è una grandissima realtà negli Stati Uniti e per questo motivo tutti i candidati alla Casa Bianca hanno deciso di investire nel social network con la crescita più grande di utilizzatori raggiungendo il 41 % degli americani tra i 18 ed i 35 anni.

Elezioni usa 2016 Snapchat

Fare un passo indietro è doveroso per capire quanto siano importanti i social network per la cultura comunicativa politica americana. Il presidente in carica Barack Obama ha dimostrato con la sua seconda rielezione che grazie al web è possibile raccogliere tantissimi consensi e riuscire a raccontarsi in un modo più autentico che raccoglie maggiori consensi. Obama nel 2008 ha sfruttato tantissimo Facebook sia per raccogliere fondi per la sua campagna che per intercettare una fetta di elettori indecisi. Nel 2012 invece ha puntato tantissimo su Twitter accorciando la distanza con i cittadini grazie alle interviste in Town Hall organizzate esclusivamente con le domande degli elettori. Per questo motivo, nonostante l’assenza di metriche d’analisi dei risultati rispetto ai social network più tradizionali, si è comunque investito su Snapchat  che ha sicuramente segnato il dibatto politico per la corsa alla Casa Bianca nel 2016.

There is no harder riddle to solve in politics than reaching young Americans who are very interested in the future of their country but don’t engage with traditional news-  Dan Pfeiffer– Snapchat may have just made it a whole lot easier to solve this riddle.” 

Come affermato da Dan Pfeiffer, senior Advisor per la strategia e comunicazione alla Casa Bianca, non esiste problema più grosso per la politica nel raggiungere l’elettorato più giovane che è interessato al futuro della propria nazione, ma non interagisce con il mondo delle informazioni tradizionale. Forse Snapchat ha reso più semplice questo percorso avvicinando queste due realtà.

 

Che strategia hanno utilizzato? Elezioni usa 2016 Snapchat

I candidati alla Presidenza degli Stati Uniti hanno deciso di utilizzare Snapchat utilizzando testi, emoji, filtri geolocalizzati, frasi che potessero attaccare gli avversari, LIVE STORY ed anche snap Adv da far vedere agli elettori tra uno snap e l’altro. I colpi inferti sono stati tantissimi, alcuni molto simpatici, altri dai toni molto duri come è stata questa campagna elettorale.

 

Elezione Usa 2016 Snapchat. Ecco qui sintetizzati i momenti più incisivi della campagna presidenziale americana. 

Bernie Sanders è sicuramente il primo candidato democratico ad utilizzare Snapchat per raggiungere i più giovani del Iowa con una campagna di 9 giorni mirata a convincere il suo elettorato a votarlo come candidato per il Partito Democratico. Slogan dei suoi filtri la celebre frase ” Are u ready to feel the BERN?” Inizialmente inserito nel LIVE STORY dal team di Snapchat, per Bernie questo social è stato fondamentale per creare quel fresco legame con i ragazzi, vera anima della sua campagna. Anche a New York, tassello decisivo per la campagna, il candidato ha investito in geo filter per invitare gli utenti al voto.

 

 

bernie_sanders_snapchat

 

Elezioni Usa 2016 Snapchat – Bernie Sanders

Anche gli altri candidati repubblicani hanno utilizzato tantissimo Snapchat per la corsa alla Casa Bianca. Da non dimenticare Ted Cruz che trolla il suo competitor Donal Trump con un filtro sponsorizzato iconico ed ironico. Uno dei momenti più simpatici di queste elezioni Usa 2016 Snapchat

 

DUNCKING DONALD

            Elezioni Usa 2016 Snapchat – TED CRUZ

Con la nomina dei due candidati per il Partito Democratico e Repubblicano inizia un nuovo stile comunicativo su Snapchat fatto di attacchi tra Hillary Clinton  e Donal Trump che per tutti questi mesi hanno deciso di sponsorizzare contenuti su Snapchat per attirare elettori e sottolineare, allo stesso tempo le debolezze dell’avversario.

 

Donald Trump propone un Filtro Vote Trump con una sua emoji personalizzata. Il suo Slogan ” MAKE AMERICA GREAT AGAIN” è stato il suo cavallo di battagli per tutti questi mesi. Sicuramente quello che verrà più ricordato è il Filtro-cornice del Debate Day:

 

14503331_14738319383203_funddescription

DONALD TRUMP vs CROOKED HILLARY.

La forza di questa iconografica creata dal Team Trump per sminuire con un solo aggettivo l’avversario è nella scelta dei colori degli Stati Uniti, di uno slogan d’effetto che sintetizza il pensiero del candidato repubblicano.

160926095646-trump-debate-snapchat-instory-780x439

 

HILLARY inizia ad usare Snapchat già dalla corsa democratica e per questo motivo imposta la sua campagna comunicativa in modo diverso da Trump con più messaggi forti e chiari.

A Cleveland decidi di creare un geo-filter con un semplice messaggio STOP TRUMP con i nastri gialli tipici delle scene del crimini.

stop-trump-screenshot

 

Alla convention Democratica è possibile inserire una sua emoji ai contenuti multimediali. Sempre più presenti per Hillary snap che raccontano momenti di incontro con elettori, bagni di folla con marito Bill e back stage dei dibattiti politici.

Hillary Clinton

 

Ultimo filtro a poche ore dal voto è apparso una lente che permette di impersonare la candidata americana con una frase iconica:

I’m with HER, MAKE HISTORY TOMORROW. ” Questo è sicuramente il messaggio più forte di Hillary in queste Elezioni Usa 2016 su Snapchat

clinton-campaign-sponsored-geofilter

Per Hillary è sceso in campo anche il Presidente Obama che per la prima volta registra un’intervista per il programma politico su Snapchat Good Luck America enfatizzando quelle che sono le qualità della candidata in modo da convincere gli elettori a sceglierla come futuro presidente degli Stati Uniti.

Sarà veramente deciso Snapchat per queste elezioni 2016? I millenials riusciranno  ad essere l’ago della bilancia nell’assetto di voto? Quale dei due candidati ha entusiasmato di più il popolo degli under 35? Non ci resta che aspettare. Queste sono state le elezioni USA 2016 Snapchat

Nessun commento su Elezioni USA 2016 Snapchat. Ecco i momenti più importanti

I COLORI DELLA STANZA E DELLA VITA … #PensaPulito

    5:37. Come tutte le mattine il tram che passa sotto la finestra di casa riesce a far tremare tutto. Il comodino pieno di libri di cucina inizia a…

 

 

5:37. Come tutte le mattine il tram che passa sotto la finestra di casa riesce a far tremare tutto.

Il comodino pieno di libri di cucina inizia a traballare e quello è il segnale che bisogna alzarsi.

Come tutte le mattine tutto parte da una voce lieve ed ovattata dal cuscino che rompe il silenzio del dormiveglia.

” Ma anche secondo te qui c’è qualcosa che non va?”

” Per favore non iniziare. Dormiamo ancora un po’.”

“ No dai tanto è inutile lo sai che ci dobbiamo svegliare”

“ Io ti conosco e so già a cosa stai pensando. Hai quel tono sognatore e qualcosa ti sta frullando in testa. Ma ti prego risparmiami e lasciami dormire. E’ notte ancora”

“ Tanto tra un po’ mi chiederai il caffè quindi ti conviene prestare attenzione”

 

“ Perché stai fissando la stanza? Che succede? Torna a dormire ti prego.”

“ Qui c’è qualcosa che non va. Lo sento” E mentre si alza porta via con se il piumone verde che era sul letto.

Passano 10 minuti in cui tutto è rimasto in silenzio e loro si sono fermati a guardare la stanza.

“ Ascolta – con un tono un po’ seccato- qui mi convince tutto. Ogni dettaglio è perfetto e  mi ricorda un momento passato assieme.”

” Si si lo so. Ma io ti ripeto che qualcosa non torna”

” Ma davvero dici? Dai smettila. Non ne posso più di queste tue ossessioni- alzandosi di scatto ed andando verso la parete della stanza- Vedi quella cornice che pende da un lato con la nostra foto a Venezia? Ecco a me piace così come la vedi: storta, con quel colore opaco che trasuda ricordi. Quindi passami la marmellata e non iniziare di prima mattina con queste storie. Il 58 non mi aspetta e non aspetta neanche i tuoi capricci”

Con un gesto meccanico presi il barattolo della marmellata di more selvatiche e la misi sul tavolo senza neanche ascoltare le sue parole.

” Guarda che qui c’è qualcosa che non mi convince più. È tutto troppo cupo e spento. È arrivato il momento di portare più positività e sicuramente non mi faccio fermare dal tuo cinismo mattutino”

In realtà non hai tanta scelta perché questa mattina ho deciso che qui bisogna portare un cambiamento e quello che ti posso concedere è solamente scegliere tra due opzioni. Quando avrai finito di riempire la brioche avremo il colore perfetto per la nostra stanza”

 

Era inutile rispondere. Non restava che ascoltare e mangiare senza far iniziare quella giornata nel modo storto.

Allora GIALLO: Ti ricordi quella casa vista in Islanda con quel Giallo caldo ed intenso? Quella casa dove abbiamo mangiato i pasticcini al cioccolato più buoni di tutta l’isola? Ecco a me  non dispiacerebbe avere tutti i giorni un risveglio positivo ed energico. Così anche quando piove ed il cielo è grigio abbiamo la carica giusta. Un po’ come gli inglesi che cercano raggi di sole nelle giornate d’inverno.

 

colori della stanza

 

Il coltello spalmava la marmellata lentamente;  non l’avrebbe mai ammesso, ma quella poteva essere una bella idea.

Altra possibilità BLU. Profumo d’estate. Ondata di felicità nel ricordare le mille sfumature del mare. Qui non intervengo e tj lascio carta bianca. Puoi scegliere dal Blu di Polignano: colore forte, deciso ed intenso oppure un  celeste tenue del mare di Malta. A me basta svegliarmi in un posto che la mattina mi possa mettere in armonia con il mondo. Che mi faccia dimenticare il rumore del tram alle 5:37 tutti i giorni. Basta qualche ritocco di bianco e poterei sentirmi in un’isola greca in pace con me 365 giorni l’anno.

 

colori della stanza

 

” Abbiamo una terza opzione oppure possiamo  già fare una scelta? Sono le 6:50 e vorrei arrivare in orario per la riunione. E poi devi spiegarmi perché riesci a convincermi sempre. Sarà perché ci provi di prima mattina quando non capisco niente. Versami un’altra tazza di caffè altrimenti non scelgo”

” Ma quindi vedi che  anche tu pensi che c’è bisogno di un cambiamento, di un po’ di novità e positività?”

” Io penso che il caffè si stia raffreddando e penso che tu abbia già scelto di volere un risveglio BLU! “

” Lo sapevo. Solo tu mi capisci così”

” Sappi che nelle tua ondata di positività e novità devi trovare lo spazio per la nostra foto di Venezia con quella cornice storta”

” Si si. Quella la mettiamo vicino al vaso di tulipani e magari la dipingiamo di bianco. “

 

Si avvicina strappa via un bacio al sapore di mora dicendo: ” Va bene. Lasciamo quella cornice opaca tanto tutto sarà brillante e positivo. Posso concederti un solo oggetto amarcord. Vado a farmi una doccia che se non mi muovo arrivo tardi in negozio. Ma sono felice. Adesso sento che ogni risveglio sarà perfetto ed armonioso.

Ah, scusami versati tu il caffè. Non faccio in tempo”

Era chiaro che il giorno seguente il tram sarebbe passato sempre alle 5:37, ma questa volta avrebbe svegliato una stanza tutta blu mare.

Questo è uno dei racconti di positività e condivisione che ogni mese troverete sul mio blog per il progetto #PensaPulito insieme a Folletto dove invitiamo le persone a far parte di una community votata a questi valori.

2 commenti su I COLORI DELLA STANZA E DELLA VITA … #PensaPulito

Digita la tua frase e clicca su INVIO per avviare la ricerca

css.php