Gargano… Le 10 cose che ho imparato

postato in: Puglia | 12

Un viaggio alla scoperta del Gargano… Ciò che mi ha lasciato questa terra fantastica. #ilGarganoVive

Io dal Gargano ho imparato tanto. Anzi devo essere preciso, il Gargano mi ha insegnato tanto e in solo pochi giorni mi ha arricchito.

Gargano Spezio

1. Bisogna fare di più e parlare di meno. Questo è stato il mantra che mi ha portato lì. Sui social / blog e vita privata insisto sempre con la Puglia, quanto è bella e quanto mi manca quando non ci sono. Ecco mi sembrava il caso fare qualcosa in concreto perchè online è sempre più facile parlare, mettere un MIO in maiuscolo davanti alla Puglia e pensare di avere la coscienza pulita. No! Bisogna fare e mettersi all’opera e l’unico strumento a mia disposizione era il web da usare il maniera intelligente e creando cooperazione che devo dire esserci stata tanto e con generosità unica dai miei amici blogger che ringrazio.

2. Se hai voglia di spiagge infinite, pace, scogliere a strapiombo e posti dove riflettere, allora il Gargano è il posto giusto. (E quando i turisti scrivono contro il Salento e l’orda di giovani dagli occhiali specchiati io rispondo: It’s up to YOU! Tu hai scelto un posto caotico ed inflazionato e non hai valutato una terra ricca e da scoprire come il Gargano.)

Gargano Spezio

3. Se sei un amante della Natura devi fare un salto qui perchè dove altro riesci a fare un tuffo a mare, un giro alle Isole Tremiti ed una scarpinata nella Foresta Umbra a salutare il capriolo garganico?

4. una cena senza Paposcia non è più una cena. Crea dipendenza e il fatto che possa essere riempita con tutto quello che vuoi ti fa sentire potente! [Nella top 10 delle mie parole preferite ormai c’è Paposceria, il posto dove si prepara questo spuntino fantastico]

Gargano Spezio

5. I garganici sono un popolo tanto dignitoso. Quando abbiamo chiesto se ci fosse qualche conto o raccolta fondi da rilanciare per quello che era accaduto hanno risposto: “A noi non piace tantissimo questo sistema divulgativo, perchè se qualcuno vuole fare una donazione, trova il modo di farla.”

6. Peschici è molto simile a Polignano. Ha delle scogliere stupende, si arroca su una collina, ha una cura di dettagli che farebbero impazzire chiunque. Anche se Il blu per le strade ricorda un po’ la Grecia, il bianco un po’ Ostuni, devo dire che riesce ad imporsi in modo deciso e sansazionale. Ho adorato i fiori sui balconi, le terrazze con vista mare, gli aperativi con nero di Troia, panino con formaggio e capocolo local. Un posto ideale per un matrimonio e lo dico perché  quando ci sono stato c’erano Enea e Pamela, lui di Peschici e lei del Sud della Germania. A loro voglio chiedere scusa per aver bloccatto un sacco di scatti romantici con tanto di mano sui fianchi vicino al muro con la gamba alzata, a causa della mia mania di fotografare qualsiasi dettaglio! Il lato positivo è che seguendo loro ho scoperto posti unici che solo un reportage di matrimonio puo’ rivelarti.

Gargano Spezio

7. L’ultimo bagno di ogni estate dovro’ venire a farlo qui, dove quest’anno ho chiuso la mia stagione balneare made in Puglia. Per l’esattezza a Rodi Garganico. Se si vuole si puo’ fare tutto, anche imparare a camminare sulle acque! Da oggi chiamatemi, Ezio, colui che camminava sulle acque! [Scusate ma io a San Menaro mi sono divertito un sacco a scattare tante foto]

8. Che per un viaggio come questo si ha bisogno di una compagna di viaggio con la quale si ha una grandissima sintonia. Io ormai sono testato con Roberta, perchè tanto sono consapevole che con lei puo’ succedere di tutto, ma veramente di tutto.

Gargano Spezio

9. Che il dolce del pomeriggio in Gargano ha solo un nome: paste di mandorla e il posto che non devi assolutamente perdere è il Pizzicato a Vico, dove trovi le migliori.

10. Se dovessi trovarti mai in una foresta con la nebbia e la pioggia non pronunciare mai queste parole: ” Sembra come nei film, adesso ci ferma qualcuno, ci chiede un passaggio e ci uccide”. Ecco io non sono morto ma mi sono trovato in una situazione surreale in cui ho dato un passaggio a due turisti tedeschi persi nella foresta Umbra che vagavano da 4 ore alla ricerca della macchina. Ecco oltre questo ho imparato che per sdebitarsi in Germania ti danno 5 €. Equivalente delle paghetta di mia nipote a 5 anni. Lì ho pensato che trovandomi in una situazione del genere io avrei donato casa mia al mio salvatore!

12 risposte

  1. Hai ragione Ezio… Bisogna imparare a usare meno l’aggettivo possessivo MIO e mettersi davvero in gioco provando a fare concretamente qualcosa per promuovere il nostro territorio in maniera intelligente, per valorizzarlo e comunicarlo al meglio agli altri. Soprattutto quando ne ha più bisogno, come nel caso del Gargano.

  2. wow! allora letto tutto e devo dirti che sono assolutamente convinta che per quanto riguarda il punto 2 tu abbia davvero ragione! non riesco infatti a capire perchè il Salento sia stato pubblicizzato così tanto rispetto al Gargano che offre, forse, cose diverse ma che è altrettanto di una bellezza unica…

  3. Ben detto!Bisogna fare qualcosa di concreto per valorizzare i territori italiani…di chiacchiere ne abbiamo sentite abbastanza!
    ciao 🙂

  4. Ezio!!!!!! vi abbiamo seguito passo a passo in questa avventura. Siete stati fantastici ecco tutto. Ora vedere queste foto meravigliose ci fanno venire voglia di prendere e partire. Bravissimi, non c’è altro da aggiungere

  5. “E quando i turisti scrivono contro il Salento e l’orda di giovani dagli occhiali specchiati io rispondo: It’s up to YOU! Tu hai scelto un posto caotico ed inflazionato e non hai valutato una terra ricca e da scoprire come il Gargano.”
    Ecco, incredibile ma vero, siamo d’accordo 🙂

    [Quindi sì, direi che è arrivato il momento di trasformare il MIO in NOSTRO 😉 ]

  6. Ezio, sarò banale e ripetitiva, ma tanto, ora che mi hai conosciuta di persona hai capito che, non solo sembro, ma proprio sono fuori di testa. Per cui, insomma sì, ti volevo dire, semplicemente che TI ADORO! E ovvio, adoro pure la Puglia 🙂

  7. Che bello quest’articolo..
    Io sono stata in Puglia ad agosto, ospite di un’amica, ed ho visitato solo le zone più a sud! Spero di recuperare presto con il Gargano a breve 🙂

  8. […] dove fare lunghe passeggiate e godersi attimi di pace. Ezio Totorizzo, aka Spezio, nell’articolo Gargano… Le 10 cose che ho imparato ci conduce alla scoperta di questo luogo nella sua Puglia e ci spiega perché sceglierlo come meta […]

Lascia un commento

Protected by WP Anti Spam