Categoria: Europa

Foto Instagram: tutte le Destinazioni Fall / Winter da non perdere

Foto  Instagram? Ecco le migliori destinazioni Fall/Winter instagrammabili. Foto Instagram: ecco tutte le info da non perdere!  Ci siamo, l’estate è ormai al termine, ma questo non vuol dire che…

Foto  Instagram? Ecco le migliori destinazioni Fall/Winter instagrammabili.

Foto Instagram: ecco tutte le info da non perdere! 

Destinazioni Fall/Winter instagrammabiliCi siamo, l’estate è ormai al termine, ma questo non vuol dire che si debba smettere di viaggiare e di condividere le miglior foto di paesaggi, di momenti di relax, di borghi ed altri posti belli da immortalare.

Quando Ezio mi ha chiesto di scrivere un post sulle tendenze dell’autunno e dell’inverno per un po’ ho cercato di pensare su cosa scrivere, su quale delle mie passioni provare ad anticipare le tendenze e alla fine è stato quasi facile. Ho unito le mie 2 passioni più grandi, viaggiare e instagram, voglio provare a suggerirvi alcune mete autunnali perfette anche da un punto di vista foto sharing.

Vediamo quindi di seguito quali sono i viaggi che potrebbero essere perfetti per l’autunno e l’inverno 2017/2018.

 

6 commenti su Foto Instagram: tutte le Destinazioni Fall / Winter da non perdere

La Battaglia di Hacksaw Ridge: la Seconda Guerra Mondiale raccontata da Mel Gibson

La Battaglia di Hacksaw Ridge: un film di Mel Gibson Ne abbiamo visti tanti di film sulla Seconda Guerra mondiale; si potrebbe studiare questo argomento a scuola semplicemente guardando le…

La Battaglia di Hacksaw Ridge: un film di Mel Gibson

Ne abbiamo visti tanti di film sulla Seconda Guerra mondiale; si potrebbe studiare questo argomento a scuola semplicemente guardando le numerose pellicole che trattano questo evento. Ma la battaglia di Hacksaw Ridge è qualcosa di diverso. In questo film Mel Gibson mostra tutto il suo essere credente presentandoci una storia che molti ignorano. Quella di un ragazzo che armato esclusivamente della propria fede decide di servire il proprio paese andando in guerra non per togliere vite, ma per salvarne. Ed è effettivamente quello che fa.

Hacksaw ridge

Nessun commento su La Battaglia di Hacksaw Ridge: la Seconda Guerra Mondiale raccontata da Mel Gibson

LA LA LAND viaggio in un mondo fantastico

LA LA LAND recensione/ visione di un film che mette positività e riesce a farti staccare la spina per un po’.   La La Land è poesia. La La Land…

LA LA LAND recensione/ visione di un film che mette positività e riesce a farti staccare la spina per un po’.

 

La La Land è poesia. La La Land è magia. La La Land è il film dell’anno. Sono tanti i motivi che mi spingono a definirlo così ma basta citarne 3 per essere subito d’accordo: la regia, la musica ed il messaggio.

 

[ Piccolo Spoiler ALERT]

 

 

 

 

 

REGIA LA LA LAND 

Avevamo lasciato Damien Chazelle due anni fa con Whiplash, altra opera magistrale da vedere assolutamente se non avete ancora avuto modo (3 oscar vinti tra cui miglior attore non protagonista per J.K. Simmons); ma questa volta il regista americano punta davvero in alto dimostrando come l’età a volte non conti nulla e che con i suoi 32 anni può  davvero competere con i grandi del cinema. Lo dimostra da subito con un piano sequenza interminabile che si destreggia tra macchine ferme nel traffico e ballerini che volteggiano senza sosta (ndr la macchina da presa non stacca fino al termine della canzone). Il messaggio è chiaro: Damien Chazelle la vuole fare grossa, e da subito. La scenografia è curata nei minimi dettagli, dalla decorazione della stanza di Mia che rispecchia meticolosamente la personalità e le aspirazioni della ragazza, ai colori dei vestiti sempre di lei che cambiano nel corso del film rappresentando la crescita interiore del personaggio e la sua maturità che evolve nel corso del film. Ryan Gosling ed Emma Stone si superano cimentandosi in una prova che non rientra proprio nelle loro corde: un musical. Ne escono vincitori e a testa alta dimostrando come la dedizione e la passione per il proprio lavoro può superare gli ostacoli derivanti da limiti personali (piccola curiosità: Ryan Gosling ha trascorso per diverso tempo esercitandosi 2 ore al giorno, 6 giorni alla settimana al pianoforte, riuscendo in fase di riprese a girare in autonomia le sequenze al pianoforte senza aver bisogno di controfigure o l’uso della CGI).

Colonna Sonora LA LA LAND 

Le canzoni che compongono il musical sono tutte impeccabili, orecchiabili, trasmettono gioia e angoscia nel giusto modo e in momenti precisi, rendendo la visione del film piacevole (sono 2 le nomination agli Oscar per Miglior colonna sonora e miglior canzone originale). Pur essendo un musical, i dialoghi sono molti, creando un perfetto connubio tra musicalità e recitazione rendendo piacevole la visione anche a chi non si trova a proprio agio con i musical. Come in Whiplash, Chazelle rende il jazz, genere musicale che il regista apprezza in modo particolare, uno dei protagonisti del film. Ed è proprio il jazz, secondo chi scrive, la chiave di lettura del finale di questo gran film. In un profondo discorso che Seb tiene con Mia, il musicista le spiega come il Jazz sia nato principalmente come mezzo di comunicazione, in un contesto in cui era impossibile comunicare appunto; nel finale, dove troviamo un Seb distrutto nel rivedere la ragazza per cui ha provato sentimenti mai vissuti e che “avrebbe amato per tutta la vita”, il pianista suona e tramite le note del pianoforte comunica con Mia, non potendo farlo con la voce. Le racconta come sarebbe potuta essere la loro storia d’amore, diversa nel modo in cui lui l’avrebbe affrontata. Non sarebbe stato ostile (a partire da un bacio improvviso anziché una spallata al primo incontro), ma l’avrebbe accompagnata e supportata nel suo sogno di diventare un’attrice di fama internazionale. Sono tante le interpretazioni che possono essere date a questo film; quella più banale, che personalmente non condivido, è che bisogna sempre inseguire i propri sogni e avere il coraggio di lanciarsi Il messaggio che è arrivato a me è invece: tutti abbiamo bisogno di una spinta e di qualcuno che ci dia il coraggio per inseguire i nostri sogni, ma nel perseguirli siamo inevitabilmente da soli.

 

LA LA LAND perchè?

La La Land è un film che racconta la vita reale. Come possono due persone che hanno ambizioni così grandi, che prevedono necessariamente sforzi, sacrifici e compromessi, riuscire a rimanere uniti? Non è possibile. Uno dei due deve rinunciare al proprio sogno ed impiegare il proprio tempo nel dedicarsi completamente all’altro (non è questo quello che appare nel racconto di Seb a Mia nel finale strappalacrime?). Quando in un rapporto d’amore, anche così profondo come quello dei due protagonisti, le ambizioni sono così alte per entrambi, si arriva a diventare inevitabilmente l’uno l’ostacolo per l’altra nel raggiungere i propri sogni, se come detto, uno dei due non decide di dedicare la propria vita completamente all’altro.

 

La La Land è un film che comunica tanto con una forza travolgente che nasce dalla sua musica e dai suoi colori. Le nomination agli oscar per questo gioiellino sono ben 14. Le aspettative sono molto alte, considerati anche i 7 premi Golden Globe vinti (nuovo record stabilito, avendo superato i 5 premi vinti da “Qualcuno volò sul nido del cuculo”). Aldilà delle statuette che verranno attribuite a questa pellicola, una cosa è certa, La La Land ha saputo stupire.

 

                                           Damiano Nargi. 

 

A me piace racchiudere invece il film in un momento, un racconto, una canzone e quello che posso dire è che questa Canzone riassume il perché bisogna vedere LA LA LAND in un momento in cui non abbiamo il tempo di pensare a niente se non alla nostra vita quotidiana e a dei ritmi che ci uccidono. Ecco pensare ad un mondo in chiave musical con la ricerca dei propri sogni ad ogni costo è davvero un bel messaggio per tutti. 

Ezio 

TESTO Audition (The Fools Who Dream) LA LA LAND 

 

My aunt used to live in Paris
I remember, she used to come home and tell us these stories about being abroad
And I remember she told us that she jumped into the river once, barefoot

She smiled

Leapt, without looking
And tumbled into the Seine
The water was freezing
She spent a month sneezing
But said she would do it again

Here’s to the ones who dream
Foolish as they may seem
Here’s to the hearts that ache
Here’s to the mess we make

She captured a feeling
Sky with no ceiling
The sunset inside a frame

She lived in her liquor
And died with a flicker
I’ll always remember the flame

Here’s to the ones who dream
Foolish as they may seem
Here’s to the hearts that ache
Here’s to the mess we make

She told me
“A bit of madness is key
To give us new colors to see
Who knows where it will lead us?
And that’s why they need us”

So bring on the rebels
The ripples from pebbles
The painters, and poets, and plays

And here’s to the fools who dream
Crazy as they may seem
Here’s to the hearts that break
Here’s to the mess we make

I trace it all back to then
Her, and the snow, and the Seine
Smiling through it
She said she’d do it again

 

Nessun commento su LA LA LAND viaggio in un mondo fantastico

THE OSCARS: i migliori film commentati insieme a voi

Ma a voi le novità in arrivo piacciono? The Oscars   “Non diamo per scontato questo pianeta. Io non ho dato per scontata questa serata“. L. DiCaprio.   “A chiunque…

Ma a voi le novità in arrivo piacciono? The Oscars

 

Non diamo per scontato questo pianeta. Io non ho dato per scontata questa serata“. L. DiCaprio.

 

“A chiunque è là fuori, alle medie o al liceo, che sta soffrendo. Ci sono giorni in cui ti sentirai triste, ti sentirai arrabbiato, avrai paura. Non è niente che si può scegliere, ma puoi trarne qualcosa. Fai film. Disegna. Scrivi“. Inside Out Pete Docter

 

” Dedico il premio ai 36 milioni di persone che hanno perso la battaglia per l’AIDS e per quelli di voi là fuori che hanno mai subito ingiustizie a causa di chi sono o di chi amano. Stasera sono qui in piedi di fronte al mondo per voi, e con voi. Grazie mille e buonanotte” J. Leto per Dallas Buyers Club.

 

A breve su Spezio.it una breve rubrica dedicata a questa notte magica che ogni anno ci fa sognare e ci fa credere di fare un po’ parte di quel mondo fantastico che è Hollywood. Se avete intenzione di rimanere svegli la notte del 26, o se semplicemente amate il cinema e desiderate condividere il vostro pensiero sulle pellicole candidate a miglior film, allora non potete perdervi questo nuovo appuntamento settimanale  in cui proveremo a capire insieme il significato che si nasconde dietro ogni opera e perché no, scoprire anche qualche piccola curiosità! Non perdetevi il primo “capitolo”  perché si inizia con il botto! A voi piace la musica Jazz? A noi tanto!! Shhhh It’s a secret.

 

 

Nessun commento su THE OSCARS: i migliori film commentati insieme a voi

Elbphilarmonie: la nuova sala dei concerti di Amburgo

Elbphilarmonie: l’edificio imponente ed ecologico che ospiterà le Sale dei Concerti di Amburgo Tra i protagonisti dell’anno passato, in fatto di architettura, ci sono sicuramente il duo svizzero Herzog &…

Elbphilarmonie: l’edificio imponente ed ecologico che ospiterà le Sale dei Concerti di Amburgo

Tra i protagonisti dell’anno passato, in fatto di architettura, ci sono sicuramente il duo svizzero Herzog & De Meuron che, nel 2016, hanno firmato una serie di progetti di notevole importanza, come l’ampliamento della Tate Modern a Londra o Feltinelli Porta Volta a Milano. Uno dei progetti più interessanti, che ha fatto molto parlare e che ha avuto un notevole eco è certamente Elbphilarmonie di Amburgo. Si tratta di uno degli edifici più costosi della storia tedesca che nasce in un contesto di rigenerazione urbana molto dinamico, come quello dell’HafenCity, in pieno centro della città, dove si sta recuperando un’area dismessa di magazzini del vecchio porto fluviale sostituendola con edifici residenziali, uffici, alberghi e aree commerciali e la Elbphilarmonie è il fiore all’occhiello di questo ambizioso progetto.

1 commento su Elbphilarmonie: la nuova sala dei concerti di Amburgo

IL NATALE DELLA SIGNORA PINNET

La casa della signora Pinnet era da sempre il punto d’attrazione di tutto il paese. Arrivati gli ultimi giorni di novembre, tutti i curiosi fingevano lunghe passeggiate fuori città per…

La casa della signora Pinnet era da sempre il punto d’attrazione di tutto il paese.

Arrivati gli ultimi giorni di novembre, tutti i curiosi fingevano lunghe passeggiate fuori città per arrivare a quel punto sperduto tra le colline che riusciva a far sognare e rallegrare un po’ le giornate miste di nebbia e malinconia.

Era diventata una necessità: ultimi dell’anno tutti dalla Pinnet per prendere quella carica necessaria per vivere le feste nel migliore dei modi e con lo spirito giusto.

la signora

1 commento su IL NATALE DELLA SIGNORA PINNET

5 minuti e la ciambella alle carote

  Come ogni mattina la piccola Sofia non aveva nessuna voglia di svegliarsi.  Aveva imparato a riconoscere i passi della mamma e quando sentiva il suono delle pantofole che in…

 

Come ogni mattina la piccola Sofia non aveva nessuna voglia di svegliarsi.  Aveva imparato a riconoscere i passi della mamma e quando sentiva il suono delle pantofole che in punta di piedi si avvicinavano al suo letto preparava il volto più angelico e sperava in soli 5 minuti in più di sogni.

Anna conosceva benissimo la sua piccola e per questo motivo si accovacciava sul suo letto ed iniziava lentamente ad abbracciarla e a chiederle di farle posto sotto le coperte. 

– Hai i piedi freddi- diceva Sofia ogni volta che si sfioravano

– Dai riscaldami tu allora- ripeteva divertita Anna che cercava di farsi spazio tra le braccia della sua piccola.

-Faremo tardi a scuola e tu a lavoro, dai mamma solo 5 minuti.

Dobbiamo andare per forza? Io vorrei tanto rimanere qui. Dai facciamo festa così non vediamo nessuno e siamo solo noi.  

Ripeti ogni giorno la stessa frase. Sai che non possiamo farci niente.  Ci tocca svegliarci 

-Ma io voglio stare abbracciata a te. Non ho voglia di vedere nessuno. Solo per oggi.

Sofia sapeva benissimo che quell’oggi era ormai una cantilena frequente che la mamma ripeteva da ormai un anno. Anzi per la precisione da 345 giorni. Dal momento esatto in cui la macchina del papà era uscita di strada e aveva deciso di far cambiare le loro vite per sempre.

Aveva solamente 13 anni, ma le era ben chiaro che in quel momento lei era l’unico faro nella vita della mamma. Tutto le mattine lei fingeva di voler ancora 5 minuti in più di sonno, solo per dare alla mamma la possibilità di caricarsi e prendere tutte le energie necessarie per affrontare la giornata. Aveva smesso di dormire nella sua stanza da letto perché si era accorta che per la sua presenza tratteneva le lacrime che puntualmente, ogni notte, rigavano il suo volto e velavano la sua calda voce.

Ti preparo quella buonissima ricetta che ho visto in TV, che dici? Così facciamo una colazione diversa oggi?

-Ma no tranquilla ho la merendina che ho comprato dal distributore ieri in ufficio. Mangerò quella in macchina.  

Dai abbiamo ancora un’ora e posso fare la ciambella. Sai che la ciambella alle carote è la mia preferita. Mi aiuti?  

– Si inizia tu. 5 minuti e arrivo.

 

 

Ciambella alle carote

I minuti passavano e puntualmente Sofia sentiva il telefono squillare e la voce della mamma che parlava con la segreteria per dire – Giovanna oggi mi sento poco bene, ti prego sposta tutti i miei appuntamenti, non riesco proprio a passare dall’ ufficio.

-Anche oggi mamma? Dai per favore alzati.

– No Sofia ho un grandissimo mal di testa. Giovanna sbrigherà tutto per me. Ormai è diventata brava sai?

– Ma devi accompagnarmi a scuola? L’avevi promesso.

-Dai che ormai sei grande e puoi andarci sola.

-Va bene. Comunque ricorda di spegnere il forno perché la ciambella  alle carote è pronta.

-Si 5 minuti e mi alzo.

I giorni passavano ed Anna era sempre più isolata dal mondo. Sofia aveva imparato ad adattarsi a quella nuova realtà e passava le giornate a trovare il modo giusto per dare la carica alla propria mamma che ormai era spenta. Vuota. Sola. La ciambella alla carota era diventata sicuramente un ottimo modo per aiutarla a pensare positivo e per alzarle il morale.  Ricordava ancora le prime risate della mamma quando fu costretta a mangiare una torta non commestibile per cui aveva lavorato tutta la notte. Ci vollero tanti bicchieri d’acqua per poter tornare a respirare normalmente, ma dopo soli 5 minuti mamma e figlia scoppiarono in una grandissima risata.

Aveva capito che doveva essere forte e ottimista e con costanza, pazienza e amore doveva lavorare nei momenti d’affetto che Anna riusciva a darle ogni mattina quando si metteva nel suo letto in cerca di abbracci e coccole. La sua era una missione. Aveva imparato a prendersi cura della casa: cucinava, riordinava e passava il Folletto, era il suo modo per prendersi cura della mamma. Sapeva che un sorriso ed una carezza avevano moltissimo valore nel vuoto che si era venuto a creare. Una piccola (ormai grande) operatrice di positività e risate.

Passo dopo passo, coccola dopo coccola, i giorni sono diventati mesi ed i mesi sono diventati anni.

 

Ciambella alle carote

Sofia ora ha 30 anni e vive sola in una mansarda londinese fatta di legno e tappezzata di fotografie di nuvole.  Ha lasciato l’Italia da diversi anni per seguire i suoi sogni. Gli stessi sogni che da bambina l’hanno portata ad essere sempre una piccola ribelle fuori dagli schemi con una grande attenzione per chi le era accanto.

Sono le 7:50 e l’orologio biologico di Sofia ha già suonato i primi rintocchi. A lei è rimasta l’abitudine di concedersi quei 5 minuti d’attesa fra le coperte ricordando le carezze ed i baci della mamma che è a tantissimi chilometri di distanza nella cucina della sua villa in toscana. Anna sorseggia caffè e guarda l’avanzare dell’autunno in giardino e pensa – Chissà cosa starà facendo Sofia. Chissà se è sveglia. Allora decide di chiamarla su FaceTime.

Sofia, con un gesto automatico, prende il telefono dal comodino scansando il libro di poesie di Keats che sta rileggendo, apre la chiamata e appoggia il suo smartphone tra le coperte.

-Mamma già sveglia?

-Si tesoro. Sono in cucina che sorseggio un caffè mentre aspetto che la ciambella alle carote sia pronta. Mancano solo 5 minuti. Credo, anche se sicuro sarà un po’ cruda. Sei tu l’esperta.

-Che buona mamma. Io sono ancora sotto le coperte. Comunque ricordati del segreto che ti avevo detto ieri mattina: basta che apri il forno e senti l’odore della ciambella. Capisci subito se deve restare ancora qualche altro minuto.  Mi mandi un pezzo?

-Amore certo, virtualmente ti mando una pasticceria piena di dolci con consegna a domicilio. Ma tu oggi non avevi quella riunione importantissima? Dai svegliati che facciamo tardi tutte e due. Dai che abbiamo una vita da vivere.

-Solo 5 minuti mamma. Ora mi alzo.

Ecco il secondo racconto per la raccolta del progetto #PensaPulito.

Nessun commento su 5 minuti e la ciambella alle carote

Elezioni USA 2016 Snapchat. Ecco i momenti più importanti

Elezioni 2016 USA- Snapchat : moda o necessita?   Solamente qualche anno fa nessuno avrebbe scommesso su Snapchat come nuovo social da integrare nella strategia di comunicazione politica per la…

Elezioni 2016 USA- Snapchat : moda o necessita?

 

Solamente qualche anno fa nessuno avrebbe scommesso su Snapchat come nuovo social da integrare nella strategia di comunicazione politica per la campagna presidenziale americana 2016. Oggi però l’app del fantasmino è una grandissima realtà negli Stati Uniti e per questo motivo tutti i candidati alla Casa Bianca hanno deciso di investire nel social network con la crescita più grande di utilizzatori raggiungendo il 41 % degli americani tra i 18 ed i 35 anni.

Elezioni usa 2016 Snapchat

Fare un passo indietro è doveroso per capire quanto siano importanti i social network per la cultura comunicativa politica americana. Il presidente in carica Barack Obama ha dimostrato con la sua seconda rielezione che grazie al web è possibile raccogliere tantissimi consensi e riuscire a raccontarsi in un modo più autentico che raccoglie maggiori consensi. Obama nel 2008 ha sfruttato tantissimo Facebook sia per raccogliere fondi per la sua campagna che per intercettare una fetta di elettori indecisi. Nel 2012 invece ha puntato tantissimo su Twitter accorciando la distanza con i cittadini grazie alle interviste in Town Hall organizzate esclusivamente con le domande degli elettori. Per questo motivo, nonostante l’assenza di metriche d’analisi dei risultati rispetto ai social network più tradizionali, si è comunque investito su Snapchat  che ha sicuramente segnato il dibatto politico per la corsa alla Casa Bianca nel 2016.

There is no harder riddle to solve in politics than reaching young Americans who are very interested in the future of their country but don’t engage with traditional news-  Dan Pfeiffer– Snapchat may have just made it a whole lot easier to solve this riddle.” 

Come affermato da Dan Pfeiffer, senior Advisor per la strategia e comunicazione alla Casa Bianca, non esiste problema più grosso per la politica nel raggiungere l’elettorato più giovane che è interessato al futuro della propria nazione, ma non interagisce con il mondo delle informazioni tradizionale. Forse Snapchat ha reso più semplice questo percorso avvicinando queste due realtà.

 

Che strategia hanno utilizzato? Elezioni usa 2016 Snapchat

I candidati alla Presidenza degli Stati Uniti hanno deciso di utilizzare Snapchat utilizzando testi, emoji, filtri geolocalizzati, frasi che potessero attaccare gli avversari, LIVE STORY ed anche snap Adv da far vedere agli elettori tra uno snap e l’altro. I colpi inferti sono stati tantissimi, alcuni molto simpatici, altri dai toni molto duri come è stata questa campagna elettorale.

 

Elezione Usa 2016 Snapchat. Ecco qui sintetizzati i momenti più incisivi della campagna presidenziale americana. 

Bernie Sanders è sicuramente il primo candidato democratico ad utilizzare Snapchat per raggiungere i più giovani del Iowa con una campagna di 9 giorni mirata a convincere il suo elettorato a votarlo come candidato per il Partito Democratico. Slogan dei suoi filtri la celebre frase ” Are u ready to feel the BERN?” Inizialmente inserito nel LIVE STORY dal team di Snapchat, per Bernie questo social è stato fondamentale per creare quel fresco legame con i ragazzi, vera anima della sua campagna. Anche a New York, tassello decisivo per la campagna, il candidato ha investito in geo filter per invitare gli utenti al voto.

 

 

bernie_sanders_snapchat

 

Elezioni Usa 2016 Snapchat – Bernie Sanders

Anche gli altri candidati repubblicani hanno utilizzato tantissimo Snapchat per la corsa alla Casa Bianca. Da non dimenticare Ted Cruz che trolla il suo competitor Donal Trump con un filtro sponsorizzato iconico ed ironico. Uno dei momenti più simpatici di queste elezioni Usa 2016 Snapchat

 

DUNCKING DONALD

            Elezioni Usa 2016 Snapchat – TED CRUZ

Con la nomina dei due candidati per il Partito Democratico e Repubblicano inizia un nuovo stile comunicativo su Snapchat fatto di attacchi tra Hillary Clinton  e Donal Trump che per tutti questi mesi hanno deciso di sponsorizzare contenuti su Snapchat per attirare elettori e sottolineare, allo stesso tempo le debolezze dell’avversario.

 

Donald Trump propone un Filtro Vote Trump con una sua emoji personalizzata. Il suo Slogan ” MAKE AMERICA GREAT AGAIN” è stato il suo cavallo di battagli per tutti questi mesi. Sicuramente quello che verrà più ricordato è il Filtro-cornice del Debate Day:

 

14503331_14738319383203_funddescription

DONALD TRUMP vs CROOKED HILLARY.

La forza di questa iconografica creata dal Team Trump per sminuire con un solo aggettivo l’avversario è nella scelta dei colori degli Stati Uniti, di uno slogan d’effetto che sintetizza il pensiero del candidato repubblicano.

160926095646-trump-debate-snapchat-instory-780x439

 

HILLARY inizia ad usare Snapchat già dalla corsa democratica e per questo motivo imposta la sua campagna comunicativa in modo diverso da Trump con più messaggi forti e chiari.

A Cleveland decidi di creare un geo-filter con un semplice messaggio STOP TRUMP con i nastri gialli tipici delle scene del crimini.

stop-trump-screenshot

 

Alla convention Democratica è possibile inserire una sua emoji ai contenuti multimediali. Sempre più presenti per Hillary snap che raccontano momenti di incontro con elettori, bagni di folla con marito Bill e back stage dei dibattiti politici.

Hillary Clinton

 

Ultimo filtro a poche ore dal voto è apparso una lente che permette di impersonare la candidata americana con una frase iconica:

I’m with HER, MAKE HISTORY TOMORROW. ” Questo è sicuramente il messaggio più forte di Hillary in queste Elezioni Usa 2016 su Snapchat

clinton-campaign-sponsored-geofilter

Per Hillary è sceso in campo anche il Presidente Obama che per la prima volta registra un’intervista per il programma politico su Snapchat Good Luck America enfatizzando quelle che sono le qualità della candidata in modo da convincere gli elettori a sceglierla come futuro presidente degli Stati Uniti.

Sarà veramente deciso Snapchat per queste elezioni 2016? I millenials riusciranno  ad essere l’ago della bilancia nell’assetto di voto? Quale dei due candidati ha entusiasmato di più il popolo degli under 35? Non ci resta che aspettare. Queste sono state le elezioni USA 2016 Snapchat

Nessun commento su Elezioni USA 2016 Snapchat. Ecco i momenti più importanti

#IfoodRaduno2016: We Are Snapchat in un weekend food

Non vedevo l’ora di condividere questa bellissima notizia con voi: il 9-10 Luglio #IfoodRaduno2016 si tinge di We Are Snapchat per seguirmi ecco il mio nic Snapchat @EzioMrLifestyle    Le…

Non vedevo l’ora di condividere questa bellissima notizia con voi: il 9-10 Luglio #IfoodRaduno2016 si tinge di We Are Snapchat per seguirmi ecco il mio nic Snapchat @EzioMrLifestyle 

 

Le cose belle accadono, ma bisogno anche un po’ essere sognatori per vederle realizzate: #IfoodRaduno2016

Quando ho iniziato qualche mese fa con l’idea di creare una community non sapevo esattamente cosa aspettarmi. La mia era sola la voglia di dare concretamente una risposta alla stessa domanda che mi veniva postata: ” Snapchat come funziona? ” Ecco per questo motivo è nata la community di We Are Snapchat  che mese dopo mese è cresciuta, maturata si è posta nuove sfide, ma ha potuto fare tutto questo grazie a delle persone fantastiche del mondo web che hanno creduto in questo progetto.

Per questo avevo un sacco di voglia di convivere con voi questa notizia: questo weekend sarò guest e speaker del primissimo raduno di Ifood magazine di cucina e network di blogger del gruppo NetAddiction: #IfoodRaduno2016.
Quando mi è stato proposto di partecipare al primo raduno di Ifood per parlare di Snapchat mi sono sentito contemporaneamente lusingato ed onorato. Sabato 8 saro’ a Terni per parlare della community di We Are Snapchat e per aiutare piu’ di 100 foodblogger del network ifood a scoprire assieme le potenzialita’ di questo social che tanto spaventa- solo in un primissimo momento- e poi travolge tutti.

#ifoodRaduno2016

 

Oltre ad illustrare esattamente l’utilizzo di Snapchat con tutte le novita’ in arrivo ci sarà un focus speciale sul Food, topic principale di questa due giorni a Terni. Non saro’ solo pero’ perché avró il piacere di chiacchierare con alcune blogger …… Che racconteranno un po’ il loro utilizzo di Snapchat. Tutto questo ha lo scopo di aiutare i presenti a comprendere come Inserire Snapchat in una strategia di social media marketing oltre che a migliorare il personal branding del vostro blog. In questa bellissima avventura non sarò solo, ma scambierò qualche chiacchiera con Anna Rita Granata, Serena Pierini, Barbara Baccarini, Veronica Gastaldo, Alice Targia blogger del Network Ifood che racconteranno la propria esperienza con Snapchat.

Ecco il programma di questi due giorni a Terni per #IfoodRaduno2016

SABATO 9

Ore 14:00: Apertura lavori

Andrea Pucci, CEO e Amministratore unico di Netaddiction darà il benvenuto agli iFoodies.

Ore 14:30: iFood 2.0 – Il restyling

Con Pierpaolo Greco, coordinatore editoriale. Confronto sui cambiamenti grafici e di struttura del nuovo iFood. Cosa è cambiato e opportunità.

Ore 16:30: Introduzione ai social network di iFood

Con Antonio Fucito, Social media Manager

Ore 17:00: We Are Snapchat

Con Ezio Totorizzo e iFoodies: Anna Rita Granata, Serena Pierini, Barbara Baccarini, Veronica Gastaldo, Alice Targia sull’utilizzo del nuovo Social Network che spopola tra i blogger.

Ore 18:00: Tour enogastronomico

Presso le cantine Arnaldo Caprai, per mostrare come sia possibile, oggi come in passato, avere come obiettivi qualità, ricerca e diffusione della cultura e della tradizione del territorio. con attenzione alla sostenibilità.

Ore 20:00: Light dinner cooking show e degustazione

Gentilmente offerta dalle cantine Arnaldo Caprai, sarà accompagnata dal cooking show dello Chef Salvatore Denaro, sostenitore del cibo fresco e biologico, introdurrà i blogger alla cucina Umbra e mostrerà abbinamenti e utilizzo del Sagrantino in cucina.

#IfoodRaduno2016

DOMENICA 10

Ore 9:30: Netaddiction Open Day – Speed Date

Per conoscere ed incontrare le persone che fanno parte di Netaddiction

Ore 10:00: Workshop Video

A cura di Netaddiction e iFoodies: Chiara Setti e Francesca Caprino

Ore 12:00: Live Cooking Show

Luca Sessa, Fedora D’Orazio e Lina d’Ambrosio prepareranno alcune pietanze per degustazione e workshop video

Ore 12:30: iFood Social Brunch

Con specialità e assaggi regionali degli iFoodies.

 

Insomma non vi resta che seguire questo bellissimo momento di condivisione e crescita su tutti i social con l’hashtag #IfoodRaduno2016 e per il panel di Snapchat come #WeAreSnapchat. Ecco il mio snapcode dove troverete tutti gli aggiornamenti del weekend oltre che nel gruppo WE ARE SNAPCHAT su Facebook!

Ezio Totorizzo Snapchat

 

 

Cosa aspetti? Vieni a trovarci e preparati.. Work in Progress!

We Are Snapchat

 

 

 

1 commento su #IfoodRaduno2016: We Are Snapchat in un weekend food

We Are Snapchat Bari: alla conquista del mondo.

Ci ho messo un po’ di tempo a trovare le parole giuste per scrivere questo post. Non trovo difficile raccontare quello che è successo sabato 18 Giugno a Bari con…

Ci ho messo un po’ di tempo a trovare le parole giuste per scrivere questo post.

Non trovo difficile raccontare quello che è successo sabato 18 Giugno a Bari con il 1 raduno di Snapchatter in Italia, quanto riuscire a rendervi partecipi delle emozioni legate a queste ore.

50 Snapchatter si sono incontrati per il 1 raduno della community WE ARE SNAPCHAT Bari . Un evento organizzato a Bari è diventato un evento mondiale. Per 9 ore siamo stati Trending Topic su Twitter con #WeAreSnapchat ed udite udite abbiamo raggiunto il 23 posto nei Trending Topic Mondiali raggiungendo 2 milioni di persone su Twitter.

 

We Are Snapchat

 

Ecco come entrare nella community di WE ARE SNAPCHAT

La cosa bella dei social è che tu puoi creare un evento su Snapchat e poi all’improvviso questo diventa virale e ti arrivano menzioni da MTV ITALIA, TV TALK, Fabri Fibra e tanti altri che hanno iniziato a condividere il proprio snapcode con We Are Snapchat.

we are snapchat Bari

Ecco tutto questo mi ha reso immensamente felice, ma io penso che come le più belle favole anche il racconto di  questa debba iniziare così:

C’era una volta… un ragazzo sognatore e come si dice in Puglia ” CAPA DURA”. Uno che quando ha qualcosa per la mente non riesce a stare un secondo fermo e subito inizia a buttar giù idee e progetti. Questa volta aveva avuto l’idea di creare un gruppo- community di gente appassionata di Snapchat e udite udite: cercare di riunire queste persone tutte assieme. Ovviamente qualsiasi persona sana di mente che lavora nel digital avrebbe ipotizzato Milano come location perfetta per questo grande lancio. Ecco sempre quel ragazzo ha una grandissima passione per la propria terra, la Puglia ed ha così pensato di scegliere BARI come luogo ideale per il 1 raduno di Snapchatter in Italia. Tutte le favole però non vi dicono che dietro tutti i grandi protagonisti ci sono tantissime persone che rendono questi sogni possibili. Ecco io voglio iniziare dicendo GRAZIE. Un grazie a chi si è lanciato in questa avventura con me e mi ha supportato, Valentina e tutto il team di Spinn, la Regione Puglia che ha deciso di patrocinare un evento che per la prima volta raccontava Bari con un linguaggio fresco ed immediato. Grazie a Marco e Salvatore che mi hanno aiutato e supportato anche la sera prima quando io ero pieno d’ansia e dubbi. Grazie a Silvia che in un giorno ha deciso di creare i biscotti più buoni e cool EVAH! Grazie al panificio Milanese di Visaggio che ci ha ospitato e deliziato con una buonissima focaccia. E ora il grazie più grande va a tutte le persone che sono state con noi al primo raduno di We Are Snapchat. Chi ha preso treni all’alba da LECCE, MAGLIE, FOGGIA e POTENZA solo per passare una mattinata assieme, solo per la voglia di vivere la community in modo autentico, per raccontare la nostra bellissima terra. Sì perché a tutti quelli che gridano il proprio amore solamente online e poi dal vivo c’è ben poco se non chiacchiere, io sabato ho conosciuto gente che ha voluto credere nel potere della community, dello stare assieme del #BetterTogether ed io non posso che dirvi GRAZIE

 

 

focaccia we are snapchat

We Are Snapchat Bari

we are snapchat 2

 

snapchatter we are snapchat

 

 

we are snapchat bari vecchia

PH foto Salvatore Visci

 

Una carrellata di richiami VIP a WE ARE SNAPCHAT BARi

 

13515423_10209677381360710_800658385_n

mtv snapchat

 

TvTallk Snapchat

Nessun commento su We Are Snapchat Bari: alla conquista del mondo.

We Are Snapchat, la community degli appassionati di Snapchat in Italia.

We Are Snapchat Italia, una community fatta di veri appassionati del social. We Are Snapchat. Snapchat è sicuramente un grande argomento di discussione sui social. Non sono qui a parlare…

We Are Snapchat Italia, una community fatta di veri appassionati del social.

We Are Snapchat.

Snapchat è sicuramente un grande argomento di discussione sui social. Non sono qui a parlare di come si usa Snpachat perché ho già introdotto questa tematica in questo articolo ” Snapchat come funziona“.

Oggi voglio parlarvi della bellezza del web, del valore vero della condivisione online, del passare un sacco di tempo a parlare e a rispondere a messaggi di persone che prima non conoscevi, ma che adesso fanno parte del tuo quotidiano.

Voglio introdurvi una famiglia virtuale che sta crescendo, giorno dopo giorno, e che sta guadagnando un grandissimo posto nel mio cuore: la community WE ARE SNAPCHAT. ( Cosa aspetti iscriviti subito al gruppo Facebook)

 

We Are Snapchat

 

Chi SIAMO?

Folli appassionati di Snapchat  che da pochi mesi hanno deciso di condividere tantissime informazioni e perplessità in un gruppo Facebook.

Ecco l’elenco degli Snapcode di moltissimi utenti del gruppo WE ARE SNAPCHAT clicca qui e vieni ad inserire il tuo SNAPCODE e raccontarci chi sei e la tua storia su Snapchat.

 

COSA FACCIAMO?

Sono stati introdotti settimanalmente contributi di esperti nei diversi settori TRAVEL, BEAUTY, FOOD, LIFESTYLE che ci raccontano il loro rapporto con Snapchat e come hanno deciso di integrare il social all’interno della propria strategia di Social Media Marketing. Se hai voglia di proporre un tuo progetto, non esitare a scrivermi.

Nel fine settimana viene lanciato sul mio profilo @EzioMrLifestyle su Snapchat un tema del fine settimana. Chi ha voglia di partecipare e di farsi conoscere può condividere uno snap con l’hashtag #WPWeareSnapchat che verrà salvato e condiviso in un album all’interno del gruppo. Si cerca di incuriosire i propri follower con snap carini, ma anche di farsi conoscere all’interno della community. Ecco un esempio di album creato con il tema FOOD qui.

 

Perché far parte di WE ARE SNAPCHAT? 

In realtà non c’è una vera risposta. Io sono da sempre dell’idea che insieme tutto è più bello. Soli ci si annoia e la cosa più importante non si scambiano idee e si rimane fissi nel proprio orticello. Questa è una bella oasi in crescita ( quindi con qualcosa da migliorare sicuramente) composta di bella gente. Io non voglio aggiungere altre parole perché ovviamente ” Ogni scarrafone è bello mamma soja

Per questo ho chiesto pareri nel gruppo ed ecco cosa pensano di WE ARE SNAPCHAT:

 

“… A me la community di We are Snapchat ha dato tanto. In un momento in cui non sapevo se valesse la pena di essere anche su un altro social mi ha dato la spinta giusta per provarci. Ad oggi sono felicissima di aver creduto in te Ezio che sei un visionario. Penso che snapchat abbia innumerevoli possibilità per il turismo e poter avere un gruppo con cui confrontarmi è il Top! Saluti da @miportovia ” 

 

“… Normalmente sto lontana dalle community ma questa è stata indispensabile per conoscere gli snapcode di persone che ora sono diventate mie amiche! lorelai-23 ”

” We Are Snapchat è la community dedicata a Snapchat ma soprattutto all’interazione e al confronto. Indispensabile per non arrovellarsi sul suo utilizzo e per risolvere gli arcani di questo social a molti “oscuro” 🙈 Io adoro conoscere nuovi snapchatters e devo ringraziare questo gruppo per alcune belle conoscenze” @manuelavitulli

 

Io dico che si parte così, con un gruppo su Facebook e si diventa magari pian piano qualcosa di più concreto come ti dicevo ieri. Sognare non costa nulla e se il social prende piede bhe.. Ezio for president @vatySuvimol

 

“… We are SNAPCHAT una vera community da cui imparare, conoscere gente simpatica e competente e a cui poter dare e ricevere supporto @mamma_gy

 

” …We are snapchat per me è stata una community di fondamentale importanza per iniziare a prendere dimestichezza con questo social.Ora credo che le sue potenzialità siano altissime,per chi come me si occupa di food è un nuovo modo per creare live social durante le preparazioni di ricette,backstage e non solo! @barbara_bacc”

 

“… Mi piace un sacco we are snapchat sia per l’idea di community che sta alla base e che è sempre una bella cosa sia perché mi ha dato l’opportunità di scoprire tanti altri blogger che hanno un sacco di cose da raccontare nel loro settore 😊😊😊 e tante persone che lasciano una piccola finestra aperta sulla loro vita ” @Alixia88

 

“… Devo essere sincera la mia attività su snapchat è altalenante, per svariati motivi!!!! Di sicuro la Community è stata fondamentale per approcciarmi a questo social che ha un potenziale enorme se sfruttato nel modo giusto! per il resto spero di aumentare la mia cerchia di amicizie! il mio mondo è il Food e preparare ricette con snapchat lo rende più reale e divertente! @silviatac “

 

” Prima di entrare su we are snapchat non avevamo idea di cosa fosse questo nuovo social e dell’importanza che potesse avere in ambito turistico. Ora come ora, dopo esserci informati e aver letto tantissimi articoli interessanti pubblicati su questo gruppo sappiamo come muoverci e abbiamo una possibilità in più di fare entrare chi ci segue nel nostro mondo e in ogni luogo che visitiamo. È molto importante per noi. Quindi grazie al gruppo e a te Ezio ! Saluti da noi di @inworldshoes”

 

“Il gruppo We Are Snapchat mi ha fatto credere che questo social possa diventare un grande strumento di comunicazione per fare marketing. La rete di persone che ne fanno parte sono dei professionisti che condividono le loro esperienze in ottica di far crescere la professionalita’ del gruppo p.s.Grande Ezio! giulia.bclv “

 

” … We are Snapchat è condivisione e divertimento! Qui si parla e si interagisce, insomma siamo una vera Community  @ramosveronica86″

 

“…Per me We Are Snapchat è un punto fermo e so che qui trovo sempre persone disposte ad aiutarmi e ad aiutarsi a vicenda. È una community in costante crescita proprio perché c’è la volontà di crescere insieme. Non si finisce mai di imparare e il confronto è sempre positivo. @marikalaurelli

 

“…La prima volta che sono approdata su snapchat ero completamente sola ma grazie alla scoperta di questo gruppo, tutto è cambiato! Penso che questa applicazione abbiamo molto potenziale,più di tutte le altre! Posso condividere, in tempo reale, una piccola parte della mia quotidianità e scoprire,allo stesso tempo, realtà differenti…da ciò che si cela dietro la figura di un blogger, fino ad alcune aziende che presentano i loro brand del momento! Insomma,snapchat ha portato aria di rivoluzione!
Grazie Ezio per aver creato questo bellissimo gruppo! @Ambrinella”

 

“…Grazie agli amici su WeAreSnapchat sono riuscita a comprendere in fretta un social che al primo impatto può apparire un po’ ostico… insomma, si impara e ci si diverte! @polly674”

 

“… Io ho avuto un impatto un po’ traumatico con Snapchat perché sono abituata, anche per lavoro, a un uso più patinato, mediato e rifinito dei social. Tutta questa spontaneità mi ha spiazzata e spaventata un po’! Il gruppo è un ottimo strumento per orientarsi, capire come utilizzare Snapchat e conoscere persone nuove! @valentinafumo”

 

” Prima di entrare in questo gruppo di appassionati snapchatterz avevo scaricato snapchat due anni fa e non ci avevo capito un tubo! Oggi? Dopo un paio di settimane ho già conosciuto persone stimolanti e condivido i miei consigli per una vita sana con persone che mi stimolano e mi danno spunto per crescere! Su snap sono @carly_coco, let’s get in touch !”

 

” Il gruppo wearesnapchat è uno dei pochi gruppi che controllo ogni giorno. Mi piace perché è nato insieme al crescente utilizzo di snapchat da parte degli utenti italiani. È interessante per il confronto e per le scoperte che si fanno giornalmente. Mi interessa confrontare il mio stile di vita, da italiana in America, con gli altri snapchatters italiani, anche i più blogger più popolari che sono comunque simpatici e alla mano, sempre pronti al confronto e a rispondere a ogni curiosità. Grande idea Ezio! Mi trovate come @unaromanainusa”

 

“Grazie a WeAreSnapchat ho iniziato ad usare un (non) social che mi sembrava molto ostico e poco adatto alla mia generazione. Seguire questa community ti mantiene giovane” @Criboavida

“Io mi sono iscritta a Snapchat e poi l’ho lasciato perché non riusciva a prendermi poi sono entrata qui e grazie al cielo non mi sono sentita l’unica (anziana) a cui questo affare sembrava strano. La community mi è stata e mi è utile per buttarmi e oggi anche se uso Snapchat soprattutto all’estero e con l’estero WeAreSnapchat mi permette di trovare persone in Italia che mi fa piacere seguire.” @verucuochina 

 

A me le community non sono mai piaciute più di tanto! Ma qui su we are snapchat c’è uno scambio così vorticoso di informazioni che è impossibile non seguirla!  @marziadalila

 

Avevo scaricato snapchat già da un po’ ma anche subito accantonato. Sono entrata in questa community e in solo giorno ho avuto la voglia di provare e.. finalmente ci son dentro! questa è la forza del gruppo! Credo che possa essere veramente un social interessante! @ilfiordicappero

Prima di entrare in questa community, non conoscevo e non sapevo usare snapchat. Infatti, ho attivato e disinstallato l’app, svariate volte, prima di iniziare sul serio. Poi Germana mi ha parlato di questa community e, grazie ad essa, ho iniziato a “lavorarci” e capirlo sul serio. Può sembrare un social stupido all’inizio, ma ora credo che usato bene possa avere grandi potenzialità sia per aziende che per blog. Inoltre è divertentissimo! @chezfederica97

 

We Are Snapchat è una community che pian piano sta crescendo e che consente di conoscere nuovi amici e altri Blogger che condividono gli stessi interessi! Emoticon heart Inoltre è utilissima per le new entry di Snapchat, non così semplice da capire appena installato, ma tramite Link e tutorial postati nel gruppo, tutto diventa più facile e divertente!! @ale.cially84 

 

Non ho mai amato le community, ma questa sembra utile per trovare gente interessante da seguire. @monicapapagna 

WeAreSnapchat è più di un gruppo, è l’energia positiva che ti travolge in una nuova esperienza dal sapore molto social, è il luogo di incontro per conoscersi, per incontrarsi in modo molto spontaneo. Di certo senza questa community e il suo maestro Spezio non sarei riuscita a fare più di uno snap, ora, invece riesco persino a fare snap più brevi dei 10 secondi imposti da Snapchat. @PantoneMR 

3 commenti su We Are Snapchat, la community degli appassionati di Snapchat in Italia.

Fine anno 2015. Cose belle? Devi cercarle!

Post di FINE ANNO: Pensieri sparsi su di anno che non so definire. This is the end. Bisogna sempre iniziare dalla fine per poter pian piano tornare indietro e capire….

Post di FINE ANNO:

Pensieri sparsi su di anno che non so definire.

This is the end.

Bisogna sempre iniziare dalla fine per poter pian piano tornare indietro e capire. Questo del post di fine anno in realtà è un regalo che faccio più a me che a voi, perché letteralmente sono sul letto fermo a pensare e…

NON RIESCO A PRENDERE UNA POSIZIONE su questo 2015…

Fine anno Spezio Ezio Totorizzo

23 commenti su Fine anno 2015. Cose belle? Devi cercarle!

Digita la tua frase e clicca su INVIO per avviare la ricerca

css.php